Piccoli crimini coniugali – Libera Compagnia Teatro Sacco

Piccoli crimini coniugali – Libera Compagnia Teatro Sacco

PICCOLI CRIMINI CONIUGALI

AUTORE : Eric-Emmanuel Schimitt

GENERE : Commedia teatrale

DURATA : 1 ora e 30 minuti c.a.

CAST ARTISTICO

REGIA :  Andrea Nicolini

ATTORI : , Alessio Dalmazzone e Roberta Gaggino

LUCI E AUDIO : Andrea Salviati

AIUTO REGIA : Sandro Battaglino

PRODUZIONE:  LIBERA COMPAGNIA TEATRO SACCO 

SINOSSI E NOTE DI REGIA

Una coppia apparentemente qualsiasi sta riflettendo su di sè, a partire dall’identità.

Chi siamo? E chi è realmente ciascuno di noi due?

Chi vogliamo essere? E chi vorrei che tu fossi?

Il passato della coppia è deflagrato per un motivo scatenante, che inizialmente pare univoco, poi comincia a ramificarsi e a prendere cento aspetti diversi.  La verità è spezzata in frammenti, come uno specchio rotto, di fronte al quale l’immagine d’insieme complessiva sembra essersi persa per sempre. Come nel viaggio di Edipo, Gilles e Lisa procedono con domande e  scoperte continue alla ricerca strenua della verità: In fondo al tunnel la sua luce si mescola alle luci ambigue della menzogna. E’ un marcamento costante, “a uomo”: ciascuno ha un progetto su se stesso e sull’altro, entrambi avanzano tra i sospetti. Continui scontri e cambi di strategia. Però il premio finale sembra lo stesso: salvarsi. Singolarmente e come coppia.

Due personaggi che recitano cambiando di continuo la propria parte, che vivono nel teatro naturale del mondo (e del loro appartamento: viene in mente lo Shakespeare di Come vi piace, il famoso “tutto il mondo è un palcoscenico”), esattamente come due attori vivono e recitano i loro ruoli in un teatro. Nel nostro caso, il loro palcoscenico non è quindi solo il reale palco del teatro, ma tutto il teatro fisico è il loro personale palcoscenico.  Le mura che circondano i palchi e la platea sono le mura stese della loro mente, quelle in cui volontariamente o no  si vanno rinchiudendo e dove provano a recitare i vari ruoli che si affidano o che l’altro affida loro. Ci si abbandona a questo giallo psicologico con un godere unico, che fila via liscio come sorretto dall’onda di una scrittura magicamente riuscita.

LA GALLERY

Servizio fotografico realizzato da Roberto Basso – Circolo Fotografico San Giorgio